The fate of Atari storia di un successo planetario

Easy To Learn, Hard To Master: The Fate of Atari

Dopo avervi presentato qualche settimana fa il documentario 8-Bit Generation The Commodore Wars,  non potevamo non presentavi il documentario sulla storica concorrente della Commodore, ecco a voi Easy to Learn, Hard to Master: The Fate of Atari ovvero l‘incredibile storia di Atari e del suo visionario fondatore, Nolan Buschnell.

Sinossi di Easy to Learn, Hard to Master: The Fate of Atari

Prima della Silicon Valley, prima di Apple, Yahoo e Google una società già incarnava lo stile di vita e di business dell’economia digitale: Atari.

Prima società di videogiochi a ottenere un successo planetario, conquistò il mercato dell’intrattenimento e diventò in breve tempo uno dei brand più cool.

Precorrendo di 20 anni il boom della new economy, la storia di Atari è soprattutto quella di Nolan Bushnell, il suo visionario fondatore.

Atari ha letteralmente introdotto il concetto di mondo digitale alla coscienza di massa.

Questa incredibile rivoluzione è raccontata da Bil Herd attraverso interviste inedite ai suoi protagonisti, tra cui Manny Gerard, VP di Warner, e Ray Kassar, CEO di Atari, fautore dello straordinario successo dell’azienda e dell’industria dei videogiochi.

The Fate of Atari

Cast di Easy to Learn, Hard to Master: The Fate of Atari

Regia: Tomaso Walliser. Con Bil Herd, Nolan Bushnell, Manny Gerard , Ray Kassar, Al Alcorn.

Il documentario nelle sue quasi 2 ore, scorre abbastanza bene, raccontando la storia di Atari dagli inizi sotto la presidenza di Nolan Bushnell, fino al tracollo finanziario del 1983.

Anche questo documentario è disponibile in DVD su Amazon ad un prezzo contenuto.

Di seguito il trailer

Piccola curiosità: entrambe le copertine dei documentari ovvero Easy to Learn, Hard to Master: The Fate of Atari8-Bit Generation The Commodore Wars, sono state affidate a  Jèrèmy Huet artista molto apprezzato per alcune sue opere riguardanti retrogaming.

Autore dell'articolo: Alessio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *