boinc

BOINC: aiutiamo la ricerca grazie al calcolo distribuito

BOINC: aiutiamo la ricerca grazie al calcolo distribuito

Alcune ricerche scientifiche per arrivare a una conclusione richiedono l’elaborazione di una mole di dati sterminata che necessiterebbero di un datacenter enorme. Come sappiamo i fondi destinati alla ricerca sono sempre meno quindi molte sono destinate al fallimento completo. Possiamo fare qualcosa per evitare il fallimento annunciato? Ebbene si possiamo.I nostri computer casalinghi (e anche quelli lavorativi) sono spesso sovradimensionati e hanno caratteristiche mostruose e connessioni impensabili fino a pochi anni fa, il tutto per:

  • navigare su Internet
  • leggere la posta elettronica
  • scrivere lettere e numeri (Peppa Pig insegna)
  • vedere video che prima si noleggiavano/compravano in edicola
  • dare comandi da terminale
  • scaricare file spesso illegali e di dubbia provenienza

Abbiamo quindi cicli di clock da regalare,regaliamoli alla ricerca grazie al calcolo distribuito. Il servizio più utilizzato al momento che sfrutta il calcolo distribuito è BOINC.
L’Italia è in prima linea grazia anche alla Community BOINCItaly.

Registrazione al sito

Il primo passo da fare è registrarsi fornendo pochissimi dati anagrafici. Sul sito oltre alle informazioni relative ai progetti è presente un ottimo forum di supporto e divulgazione.

Installazione

Una volta scelto il progetto possiamo accedere alla pagina italiana (direttamente da BOINC Italy), all’interno di tale pagina possiamo accedere al sito “originale” (voce ATTACH) dove possiamo scaricare i binari Windows, Linux o Mac.
Nota: per Ubuntu, Fedora, Debian e Gentoo i binari si trovano direttamente nei repository ufficiali. Per Ubuntu e derivare basta come sempre un semplice comando:

sudo apt-get install boinc-client boinc-manager 

per installare sia il motore testuale che la comoda GUI (potremmo lavorare direttamente da linea di comando).

Dispositivi mobili

Su Amazon Store e Google Play è disponibile l’applicazione per dispositivi mobili (anch’essi il 90% della giornata hanno cicli di clock da regalare, quando non sono impegnati a spiarci ovviamente).  Ovviamente l’applicazione ha molta fame di batteria e dati , quindi entra in funzione solo quando il dispositivo è collegato alla corrente elettrica, la batteria supera il 90% di carica e siamo collegati a una rete Wireless.

Configurazione

La GUI desktop e l’applicazione mobile sono molto simili. All’avvio dobbiamo selezionare il progetti che abbiamo scelto loggarci e il gioco è fatto.

boinc manager

boinc impostazioni

Conclusioni

Personalmente ho scelto il progetto Rosetta@Home il quale grazie all’analisi dell’RNA (componente del DNA) si pone come scopo la cura di malattie come AIDS, Cancro, ecc.

Citando il sito della Community BOINC Italy:

Il tuo computer si annoia!!!!!!!

Autore dell'articolo: fabrizio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *